Docente | CRISTIANA PAPA

CORSO INSEGNANTE YOGA BIENNALE

L’obiettivo del corso è quello di formare operatori che sappiano al meglio declinare la disciplina dello Yoga alla cultura occidentale moderna, traendo quindi da questa pratica i vantaggi “terapeutici” in termini di benessere generale e di capacità di fronteggiare le difficoltà spesso imposte dalla vita di tutti i giorni.

 

Programma Formazione Yoga 2° anno

 

1° Incontro

Dal macrocosmo al microcosmo

Le basi della pratica

Una visione integrata tra oriente e occidente

 

 

Cenni di filosofia dello Yoga

Dal Sāṃkhya i concetti di Purusa, Prakrti, Buddhi, Guna, Karma e Samsara

  • Il senso che questi concetti hanno nella vita odierna dell’uomo occidentale

 

Fisiologia sottile

L’unità di corpo, energia, mente, spirito

  • L’energia Kundalini, le nadi, i chakra e i diversi livelli di coscienza
  • Il processo evolutivo dell’uomo secondo la tradizione yogica

 

Tra il Sé e l’Io – Il corpo, lo strumento dello Yoga

Confronto tra le teorie dello sviluppo neuro-psico-motorio dell’essere umano e dello sviluppo evolutivo secondo lo yoga

  • La “postura”: organizzazione di sé nel mondo

 

Le basi di riferimento per la pratica corporea

La colonna vertebrale come asse di riferimento della postura

  • Funzione
  • Propriocezione
  • i 3 assi di movimento della colonna e le relative asana
  • le 3 fasi della respirazione connesse alla colonna
  • Pratica e analisi della propria postura e della postura dell’altro
  • Pranayama e pulizia delle Nadi
  • Come strutturare un percorso/corso di Yoga
  • Come strutturare una classe di Yoga
  • Funzione della Meditazione
  • La pratica personale quotidiana

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sulla colonna vertebrale e il pranayama connesso da svolgere nel mese prima del 2°incontro

 

 

2° incontro

Il percorso dell’uomo:

Andare a ritroso per evolvere in avanti

 

L’essenza dello yoga per l’uomo occidentale

  • Perché? A quale possibilità accede?
  • L’individuo tra condizionamento e potenzialità
  • Lo scopo dello Yoga: divenire ciò che si è – Jung e il processo di individuazione

 

Il triangolo inferiore

  • L’inizio del percorso: verso un’energia animale centrata
  • Teoria dello yoga e teoria dello sviluppo neuro-psico-motorio

 

Le fondamenta – L’identità corporea – La materia

  • Il 1° chakra, il coccige e i piedi
  • Funzione corporea
  • Funzione psichica
  • Qualità psichica ed energetica – il corpo come simbolo
  • Relazione tra appoggio e colonna vertebrale
  • Pranayama, propriocezione ed asana
  • Funzione della Meditazione in questo stadio del percorso
  • Strutturare una classe sul tema

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 3°incontro

 

 

3°incontro

Il ritorno ai sensi

 

Il 2° chakra – L’identità fisico/emotiva

 

  • Teoria yogica e teoria della fase dello sviluppo neuro-psico-motorio ed emotivo connessa
  • Il perineo, gli organi sessuali e l’area pelvica: pranayama, asana e tecniche propriocettive
  • Funzioni connesse – teoria e pratica

Apertura, piacere, desiderio, fluidità, dolcezza, fiducia, fusione.

Il movimento circolare come strumento corporeo per risvegliare le qualità psico-energetiche

  • La mobilità articolare
  • La riscoperta dei sensi
  • Integrazione: L’apertura del corpo tra appoggio e asse vertebrale – Asana, pranayama, krya
  • Funzione della Meditazione in questo stadio del percorso
  • Riflessioni su di sé- percezione ed emozioni del corpo
  • Come lavorare sulla fluidità, sul piacere e il desiderio attraverso il corpo.
  • Strutturare una classe sul tema

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 4°incontro

 

 

4°incontro

Sviluppare il centro dell’individualità

 

La sfera del bacino

  • Lavorare sulla struttura del bacino
  • Possibilità di movimento
  • Funzione del bacino nell’intera struttura corporea

Il bacino come centro di connessione tra il basso e l’alto

  • Mobilità, respiro ed asana

 

Il 3° chakra e il plesso solare – Identità dell’Ego

  • Organi correlati
  • Processo di trasformazione – La digestione

Pranayama, tecniche propriocettive ed asana connesse

  • Qualità psico-energetiche – Teoria e pratica:

la forza, il potere, la volontà, l’azione, l’autonomia.

Asana, pranayama e krya.

Il corpo e la sua postura come simbolo

Una sintesi tra materia e spirito

  • Riflessioni su di sé: punti di forza e di debolezza
  • Funzione della Meditazione in questo stadio del percorso
  • Come lavorare sull’attitudine della forza, dell’autonomia, della volontà, del potere attraverso il corpo.
  • Strutturare una classe sul tema

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 5°incontro

 

 

5°incontro

Verso le facoltà superiori dell’essere umano

 

Il triangolo superiore

Centro di trasformazione: dalle funzioni animali alle facoltà superiori dell’essere umano

    • Teoria dello yoga a confronto con le teorie dello sviluppo evolutivo dell’occidente
    • Dalle emozioni ai sentimenti
    • La cassa toracica
    • Funzione corporea
    • Funzione psichica
    • L’espansione della cassa toracica: pranayama, tecniche propriocettive, asana
    • Il 4° Chakra e il centro del cuore – L’identità relazionale e sociale
    • Funzione corporea
    • Funzione psichica
    • La facoltà psico-energetiche del cuore
    • Pratica: pranayama, tecniche propriocettive ed asana
    • Come lavorare sull’attitudine all’apertura, all’ascolto, all’accoglienza, all’amorevolezza attraverso il corpo.
    • Funzione della meditazione in questo stadio del percorso
    • Strutturare una classe sul tema

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 6°incontro

 

 

6°incontro

Lo sviluppo dell’Ascolto sottile, dell’espressione creativa

e del pensiero simbolico.

 

I polmoni

  • Funzione corporea e psichica
  • Pranayama e tecniche di purificazione

 

Il collo e la gola

  • Funzione corporea e psichica
  • Mobilità
  • Connettere la testa al corpo
  • La gola e il 5°chakra – L’identità creativa
  • Qualità psico-energetiche e funzioni correlate

L’espressività, la comunicazione, la creatività e lo sviluppo del pensiero simbolico

    • L’utilizzo del suono e della voce nella pratica
    • Pranayama, tecniche propriocettive, tecniche vocali e yogiche
    • L’utilizzo del suono per sviluppare le differenti qualità energetiche
    • L’utilizzo integrato del pranayama e del suono nelle asana
    • Funzione della meditazione in questo stadio del percorso
    • Strutturare una classe sul tema

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 7°incontro

 

 

7° incontro

Dare un senso al proprio percorso

 

  • Il 6° chakra – L’identità archetipica
  • Vedere e comandare del 6° chakra – cenni di filosofia e riflessioni pratiche sulla via evolutiva dell’uomo

 

Teoria e pratica

  • Integrazione degli emisferi e delle nadi attraverso il pranayama
  • Lo sviluppo dell’intuizione
  • Percezione, intuizione, immaginazione
  • La visualizzazione
  • Funzione e integrazione della meditazione
  • Autoriflessione – Chi sono io?  Individuare il proprio percorso tra passato e presente integrando il percepire e il sentire col vedere/intuire per visualizzare il futuro
  • Costruzione di una pratica sul tema integrando il “dare un senso”

 

DA FARE

Strutturare un percorso di 4 classi sul tema da svolgere nel mese prima del 8°incontro

 

 

8°incontro

L’integrazione

  • Il principio di unità dell’uomo attraverso la struttura corporea

Teoria e pratica

  • Integrazione e allineamento delle 3 sfere dell’asse corporeo: bacino, torace, testa
  • Funzioni psico-energetiche connesse
  • Essere uno, essere intero: integrazione del volere/agire, sentire, vedere
  • Avere/darsi una direzione
  • Il 7° chakra- L’identità universale

La coscienza e il pensiero

Teoria e pratica

  • La meditazione come strumento di connessione con una dimensione più ampia da sé
  • Vedere il proprio sistema di pensiero
  • Approfondimento della meditazione silenziosa (vipassana, zazen, mindfulness)
  • La funzione della meditazione integrata alla pratica dello yoga
  • Meditazione, autoriflessione, integrazione:

costruzione di una classe per sé stessi (Sadhana personale)

  • Integrazione del percorso fatto (teorico/tecnico/personale)

Individuare l’area di interesse personale, per definire il tema di approfondimento nella tesi.

 

BIENNIO FORMATIVO (I-II Anno)

  • 1° ANNO: 64 h di formazione ordinaria in aula (8 incontri di 8h ciascuno) + 50 h di pratica certificata,

per un totale di 114 h.*

  • 2° ANNO: 64 h di formazione ordinaria in aula (8 incontri di 8h ciascuno) + 100 h di pratica

certificata, per un totale di 164 h.

  • 16h di approfondimenti tra cui Meditazione e Yoga evolutivo (vedi calendario 1° anno) + 48h di pratica di conduzione gruppi certificata per un totale di 64h

 

  • MODULI FORMATIVI di Deontologia Professionale, con V. Zurzolo, per un totale di 8 h.

 

  • MODULI FORMATIVI di Erbetica e Aromaterapia (2 incontri da 4 h) con A. Ciaglia e M. De Risi    

 

per un tot. di 8h

 

  • MODULI FORMATIVI di Alimentazione Olistica 4h con Anna Ciaglia

 

  • MODULI FORMATIVI Fiori di Bach con A. Ciaglia (due incontri da 4h) per un tot. di 8h

 

  • MODULI FORMATIVI Pnl Olistico con Giuseppe Gallucci 4h

 

  • MODULI FORMATIVI Antropologia e Psicologia con Giulia Moscariello (2 incontri da 4 ore) per un tot. di 8h
  • MODULI FORMATIVI Anatomia con Amedeo Avallone (2 incontri da 4 h) per un tot. di 8h

 

  • SEMINARI RESIDENZIALI, organizzati al termine di ogni anno (mese di giugno), 2 nel biennio. Si tratta di incontri residenziali, ciascuno della durata di 3 giorni, dal pomeriggio del venerdì al pomeriggio della domenica di 20h ciascuno per un totale di 40 h

 

  • Preparazione tesina su lezione tipo (da dimostrare al seminario finale): 20 h

 

Totale ore formative (cumulate al biennio): 450 OPERATORE OLISTICO S.I.A.F. PRATICTIONER

N.B. La pratica certificata* comprende:  

  • Lezioni di yoga praticate con il docente o in altre occasioni, riconosciute e convalidate da Ludosya a carico dell’allievo (es. potranno essere convalidate le ore di lezione svolte durante i corsi di yoga tenuti presso il Centro Natura o presso altre sedi)
  • Seminari di approfondimento sullo Yoga (inclusi ad es. quelli organizzati presso il Centro Natura o altri Centri.
  • Corsi monotematici a scelta

Le ore vengono timbrate e “certificate” sul libretto studi.

SPECIALIZZAZIONE 3°ANNO:

  • 64 h di formazione ordinaria in aula (8 incontri durante l’anno di 8 h ciascuno);
  • 20 h di seminario residenziale
  • 50 h di pratica certificata;
  • 6 h di docenza “assistita”: una o più lezioni tenute dall’allievo con l’assistenza del docente.

La pratica assistita sarà svolta nell’arco di un mese, prevedendo circa 1.30 h a settimana.

Totale ore formative (cumulate con il 3° anno): 600 h, OPERATORE OLISTICO S.I.A.F PROFESSIONAL con specializzazione di Insegnante Yoga